Le politiche migratorie sempre più restrittive possono essere causa di maltrattamenti e torture

Tipologia del contenuto:Notizie

Il Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura, Nils Melzer, ha presentato la Relazione sulla tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti al Consiglio per i Diritti umani a Ginevra.

Le politiche migratorie stanno condannando i migranti verso percorsi irregolari con esiti preoccupanti : alcune normative e pratiche promosse dagli Stati per scoraggiare, prevenire o indirizzare l’arrivo di migranti potrebbero costituire esse stesse torture o maltrattamenti.Questa la denuncia del Relatore speciale Melzer.

“Gli Stati stanno privando sempre più le persone della loro libertà come una risposta usuale o addirittura obbligatoria alla migrazione irregolare”, ha detto l’esperto che ha denunciato come ” la detenzione sistematica delle persone semplicemente perché migranti non ha nulla a che fare con la legittima protezione delle frontiere, bensì equivale a una privazione arbitraria della libertà”.
“Tale detenzione può persino equivalere alla tortura, specialmente quando è intenzionalmente usata per scoraggiare, intimidire o punire i migranti o le loro famiglie, estorcere denaro o atti sessuali, o costringere le persone a ritirare richieste di asilo, accettare il rimpatrio volontario, fornire informazioni o fornire le impronte digitali.”
“Quanto più a lungo dura una situazione di detenzione arbitraria, tanto più intensa sarà la sofferenza mentale ed emotiva, e maggiore sarà la probabilità che il divieto di tortura o maltrattamenti sia stato violato”, ha aggiunto.

Nella relazione completa il relatore speciale formula una serie di raccomandazioni su come gli Stati possono affrontare la migrazione irregolare rispettando pienamente i loro obblighi internazionali in materia di diritti umani.

“Gli Stati dovrebbero consentire ai migranti di chiedere protezione internazionale e contestare individualmente qualsiasi decisione in merito alla loro detenzione, trattamento o espulsione dinanzi a un organo giudiziario o amministrativo competente”, ha affermato.
L’esperto ha anche esortato gli Stati a smettere di basare le loro politiche migratorie sulla deterrenza, la criminalizzazione e la discriminazione.

“L’unico modo per porre fine alle orrende sofferenze causate dal traffico di migranti e dalla detenzione arbitraria è quello di garantire percorsi di migrazione sicuri e regolari e di garantire l’effettiva protezione dei loro diritti umani non solo in teoria, ma anche nella pratica ” ha sottolineato Melzer.

“Spero che il mio rapporto aiuti gli Stati a porre fine a una delle più grandi tragedie del nostro tempo: il diffuso e sistematico disprezzo per la dignità umana e l’integrità di milioni di persone che hanno perso o abbandonato tutto in cerca di protezione o una vita migliore “.

Infine Melzer ha affermato che alcune normative introdotte di recente suggeriscono una deliberata erosione del principio di non-refoulement, ricordando che esso protegge chiunque dal venir deportato in paesi in cui rischia di subire torture o maltrattamenti.

“Nessun migrante può essere deportato legalmente senza una valutazione del rischio individualizzata”, ha sottolineato il relatore speciale .


Relazione del Relatore speciale sulla tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti

Il comunicato stampa

Maggiori informazioni sull’attività del Relatore speciale sulla tortura 


 

Tipologia del contenuto:Notizie
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.